assicurazione auto dispositivo satellitareSempre più italiani scelgono di abbinare alla propria Assicurazione Auto un Dispositivo Satellitare (la scatola nera che registra posizione e sinistri).

In Italia infatti le auto su cui è stato installato un dispositivo sono ben 4,5 milioni e il trend è in continua crescita, tanto da far ipotizzare alla MBS Consulting che entro il 2020 possano addirittura raddoppiare andando anche a sfiorare le 10 milioni di unità (per un giro di affari da 3 miliardi di euro).

Perché ci si aspetta una crescita tanto esponenziale?

In primis per la possibilità di associare il Dispositivo alla propria Assicurazione Auto e quindi garantirsi spesso un ottimo risparmio: tutte le Compagnie solitamente offrono la scatola nera in comodato gratuito e con uno sconto sulla RC Auto.

Da non sottovalutare la tranquillità che tali dispositivi offrono ai tantissimi automobilisti onesti: è sicuramente molto più semplice prevenire le frodi assicurative, in quanto se si viene ingiustamente additati come responsabili di un sinistro sarà lo stesso Dispositivo Satellitare a cavare d’impaccio l’automobilista innocente.

La scatola nera è sicuramente utile anche in caso di furto. Registrando la posizione del veicolo, permette alle Forze dell’Ordine di rintracciarlo più agevolmente garantendo al proprietario un intervento immediato.

Il Dispositivo è infine utilissimo anche per l’offerta di comodi servizi aggiuntivi al guidatore, come ad esempio l’assistenza in caso di sinistro.

Per una Compagnia è dunque spesso preferibile avere un cliente con Assicurazione Auto e Dispositivo Satellitare, tanto da spingere questi prodotti offrendo a titolo gratuito l’installazione, la disinstallazione ed anche l’abbonamento annuale a tutti i servizi (GPS incluso).

Lo Stato non è ancora intervenuto massicciamente sul tema, infatti non c’è ancora un obbligo di RC Auto con scatola nera: ad oggi, le compagnie sono libere di offrire o meno il Dispositivo Satellitare e associarlo o meno allo sconto che ritengono opportuno.

Considerato il notevole aumento di richieste, anche i costi per la fornitura tecnologica sono in forte diminuzione. Oggi sono tra l’altro diffusi alcuni dispositivi autoinstallanti, che hanno un costo nettamente inferiore rispetto a quelli che possono essere installati soltanto presso un’officina autorizzata.

Sono tanti, dunque, i motivi per i quali è facile ipotizzare una diffusione sempre maggiore dei Dispositivi Satellitari, che già oggi rendono comunque il mercato italiano tra i più profittevoli a livello europeo.