assicurazione auto pilotaIn un futuro non troppo lontano potremmo anche assistere alla più grande rivoluzione di sempre nel campo dei trasporti (qualcosa di paragonabile, con le dovute proporzioni, all’introduzione della ruota o del motore a scoppio a metà dell’Ottocento): non saranno più gli esseri umani a guidare le auto, ma ad accompagnarci ovunque saranno le auto stesse dotate di pilota automatico.

Insomma, diventeremo tutti soltanto dei passeggeri e addirittura la guida potrà essere proprio vietata a tutti gli uomini ed a tutte le donne.

Eviteremmo in questo modo tutti quegli incidenti legati alla distrazione, ai colpi di sonno, alle svariate imprudenze o al mancato, spesso consapevole, rispetto del Codice della Strada.

A sbilanciarsi più di ogni altro è Elon Musk, il fondatore della casa automobilistica Tesla, da anni all’avanguardia nella produzione di auto iper-tecnologiche; Musk afferma: “lo vedo come un problema ormai quasi risolto: sappiamo quello che dobbiamo fare e lo faremo nel giro di alcuni anni. I legislatori potrebbero dover dichiarare fuori legge le auto con guidatore perché troppo pericolose”.

Certamente, prima che ciò possa essere pensabile, tutte le autorità competenti vorranno testare più e più volte tutti i sistemi di guida completamente autonoma, ma evidentemente i tempi sono ancora prematuri.

Infatti, per quanto la tecnologia sia già parzialmente disponibile, siamo ancora alla fase di sperimentazione della guida autonoma e, nonostante l’ampia dotazione di strumenti di bordo, il rischio di incidenti non è stato ancora del tutto azzerato.

Una ulteriore conferma dell’immaturità di questa vera e propria rivoluzione culturale, la offrono le stesse compagnie di Assicurazione Auto: come verranno assicurati tali veicoli? Considerando che una delle loro caratteristiche principali sarà quella di garantire assoluta sicurezza alla guida, e quindi un minor numero di sinistri, quali fattori verranno presi in considerazione per il calcolo dei premi RC Auto?

Il fatto che ad oggi non ci sia ancora una risposta, né una bozza degna di tal nome, dimostra come le Compagnie che offrono Assicurazioni Auto non hanno ancora nemmeno preso in considerazione questa evenienza.

Lo studio di KPMG, realizzato attraverso un campione di manager dell’industria assicurativa statunitense, rivela come la maggior parte degli assicuratori non pensa che nel giro dei prossimi dieci anni il business auto sarà impattato da questa nuova tecnologia. Ecco perché nessuna Compagnia ha ancora iniziato a lavorare per studiare tariffe calcolate ad hoc per questo nuovo tipo di autovetture senza guidatore.