Le catene da neve: compatibilità e tipologiecatene-neve-auto

Nonostante la diffusione degli pneumatici cosiddetti four season, le catene non passano mai di moda! Ma è importante saper acquistare quelle che fanno al caso proprio e soprattutto saperle utilizzare correttamente.

Vi deve essere compatibilità tra la classe delle catene e la misura degli pneumatici (la confezione delle catene riporta le misure delle ruote su cui le stesse possono essere montate).

Vista la compatibilità delle catene rispetto al modello di pneumatici montati sulla propria auto, va detto che esistono catene ad anelli di ferro, che consentono al veicolo di avere una buona trazione sulla neve e catene tessili, composte o a ragnatela, le quali hanno prestazioni che garantiscono un buon livello di sicurezza, ma sono molto più semplici da montare.

Esercitarsi prima dell’emergenza

Ma come montare le catene da neve?

Il primo consiglio è quello di esercitarsi in condizioni di relativa tranquillità: nel giardino di casa o in un parcheggio, prima che la neve inizi a cadere. Questo per evitare di farsi cogliere impreparati il giorno in cui la neve bloccherà l’autoveicolo obbligando, a quel punto sì, il conducente ad installare le catene in condizioni proibitive: freddo, fiocchi di neve in faccia, spazi di manovra ristretti.

Il secondo consiglio fondamentale è quello di montare le catene solo una volta che sia iniziata a cadere la neve, mai prima.

Le condizioni per il montaggio delle catene da neve

Innanzitutto, nell’ottica di garantire a se stessi e alle altre autovetture circolanti sulla strada un certo livello di sicurezza, è necessario arrestarsi presso una piazzola di sosta o in un punto che consenta di non bloccare o rallentare il traffico.

Successivamente, bisogna spegnere il motore, innestare la prima marcia e tirare il freno a mano.

Prima di scendere dall’auto, si deve assolutamente indossare il giubbino di sicurezza (che deve rispondere ai requisiti previsti dalla legge e quindi deve essere dotato di strisce rifrangenti ad alta visibilità, elemento rilevante ancor più sulla neve) e preferibilmente un paio di guanti: oltre al fatto di operare in un clima “da neve”, le catene sono di ferro e risulteranno quindi particolarmente fredde!

Va poi considerato che dei modelli di catene possono prevedere delle modalità di montaggio diverse; è quindi bene dare comunque un’occhiata alle istruzioni presenti nella scatola.

Il montaggio delle catene

Arrivati a questo punto, si può vedere dettagliatamente come montare le catene da un punto di vista tecnico:

  • una volta estratte le catene dalla scatola, se le maglie sono attorcigliate vanno sgrovigliate;
  • grazie al colore che la contraddistingue, si individua la chiusura e la si sgancia;
  • si fa scivolare dietro la ruota il gancio colorato e lo si riprende dall’altra parte;
  • i due capi del gancio ora vanno sollevati e ricongiunti sopra la ruota;
  • ora vanno ricongiunti gli altri ganci (di un colore diverso dai precedenti) nella parte frontale della ruota;
  • a questo punto, utilizzando l’estremità della catena (o un cavo, a seconda dei modelli) si stringe la catena stessa attorno alla ruota;
  • una volta tirata a sufficienza attorno alla ruota, la catena va fissata con gli appositi ganci sul cerchione;
  • la stessa operazione va ripetuta ovviamente anche sulla seconda ruota.

È consigliabile testare la tenuta delle catene percorrendo qualche centinaio di metri ed eventualmente fermarsi per stringerle ulteriormente.

Una volta visto come montare le catene, è importante ricordare che, ancor più che in caso di pioggia, in caso di neve è d’obbligo la prudenza. Il consiglio è quello di guidare prudentemente, mantenere una velocità limitata (che in ogni caso con le catene è limitata per legge a 50 km/h), limitare le frenate ai casi estremamente indispensabili e negli altri casi utilizzare il freno motore (in particolare in curva).