Vignetta: costo e validità

Il 31 gennaio 2018 scade la vignetta svizzera 2017, necessaria per circolare sulle strade nazionali. Quella per il 2018 è in vendita al prezzo di 40 franchi svizzeri (corrispondenti a 38,12 euro) e consente di circolare dal 1 dicembre 2017 al 31 gennaio 2019. Chiunque transiti su autostrade e semi autostrade in Svizzera deve acquistare la vignetta, che ha la durata di 14 mesi. Non esistono infatti vignette giornaliere, settimanali o mensili.

Vignetta SvizzeraPer chi non sia mai andato in Svizzera con la propria auto, questa potrebbe sembrare una novità, mentre in realtà si tratta di una tassa che gli elvetici applicano sin dal 1985 per il transito su tutte le autostrade e le strade nazionali di prima e di seconda classe. Il contrassegno deve essere esposto in maniera corretta sul parabrezza, ovvero, deve essere visibile ai controlli effettuati dalle forze dell’ordine preposte.

Chi la deve comprare?

Chi è soggetto al pagamento della vignetta? Il “bollino Svizzera” deve essere acquistato da tutti i possessori e utilizzatori di veicoli, moto e rimorchi fino a 3,5 tonnellate di peso totale (quindi anche furgoni e rimorchi). Ne sono esentati solamente i rimorchi che già sono soggetti alla tassa sul traffico pesante (generalmente i veicoli oltre le 3,5 tonnellate e i veicoli da lavoro pesante, come le autogru).

La vignetta svizzera (il cui nome tedesco è autobahnvignette Schweiz, “bollino Svizzera”) deve essere acquistata al più tardi al controllo presso la frontiera. Per questo motivo è reperibile sia in Italia, sia presso gli uffici doganali. In alternativa, una volta varcato il confine nazionale, la si può acquistare presso gli uffici postali, le stazioni di rifornimento, le autorimesse, le agenzie del Touring Club Svizzero e gli uffici cantonali della circolazione stradale.

Da notare che deve essere pagato per ogni mezzo, rimorchi compresi. Questo significa che chi decide di visitare il paese elvetico con un’auto e roulotte a traino, dovrà acquistare ben due vignette.

Ammende in caso di inadempienze

L’osservanza del rispetto della norma spetta alle forze di polizia e all’AFD.

Chi viene sorpreso a circolare su autostrade e semi autostrade senza l’apposito contrassegno è soggetto al pagamento di un’ammenda pari a 200 franchi svizzeri. La stessa multa sarà comminata anche a chi ne faccia un utilizzo scorretto, ovvero non la esponga correttamente.

In entrambi i casi, oltre al pagamento dell’ammenda, il conducente dovrà acquistare immediatamente la vignetta e fissarla al veicolo in modo tale che risulti ben visibile ai successivi controlli.

Il contrassegno è adesivo e deve essere apposto o dietro lo specchietto retrovisore o sul bordo sinistro del parabrezza anteriore. Nel caso di rimorchi deve essere posizionato in modo tale da rimanere ben visibile, ma lontano da possibili asportazioni (dolose) da parte di terzi. È infine vietato utilizzare uno stesso bollino per più vetture.

Tutte le esenzioni

Vi sono poi dei casi particolari nei quali l’esposizione, e quindi il pagamento, della vignetta svizzera non è richiesto.

Si tratta di tutti i veicoli militari (anche quelli noleggiati o requisiti dall’esercito, che devono però circolare muniti del contrassegno “M+”). Allo stesso modo la vignetta non è richiesta a tutti coloro che lavorino sulla strada (veicoli di manutenzione) o che per lavoro intervengano sulla strada: Polizia, Guardie di confine, pompieri, servizi d’intervento in caso di incidenti, catastrofi e incendi; ambulanze e protezione civile.

Non sono poi soggetti al pagamento della vignetta svizzera nemmeno i mezzi delle organizzazioni intergovernative, dei governi esteri in missione ufficiale, né i veicoli muniti di targhe professionali svizzere utilizzati per corse in giorni feriali.