L’arrivo del freddo e la manutenzione dell’auto

Con l’arrivo del freddo, è necessario prendersi cura della propria auto con una manutenzione specifica, ponendo attenzione, in particolare, all’utilizzo di liquidi antigelo.

liquido_antigeloNon tutti i liquidi antigelo sono uguali e, allo stesso modo, ognuno di loro, ha una funzione specifica: additivo per il diesel, liquido per i tergicristalli, liquido per il raffreddamento del motore.

Attenzioni di questo tipo assumono una rilevanza maggiore nei paesi del Nord Europa in cui le temperature invernali scendono parecchi gradi sotto lo zero anche nelle ore diurne, quelle più calde della giornata.

Non vanno però trascurate nemmeno alle nostre latitudini, perché se è vero che nelle regioni settentrionali c’è una maggiore abitudine al gelo, durante gli ultimi inverni, complici i cambiamenti climatici degli ultimi anni, anche le città del sud e delle isole stanno sperimentando sempre più spesso la convivenza con temperature molto vicine allo zero e, a volte, anche al di sotto.

Il liquido per il diesel

Quando le previsioni meteo annunciano l’arrivo di un’ondata di gelo (o se si prevede di dirigersi con l’auto verso paesi freddi), la cosa migliore da fare è quella di aggiungere un additivo antigelo al diesel, carburante che, a differenza della benzina che sopporta temperature fino a -48°C, ghiaccia già a partire da temperature inferiori ai 2°C.

Va ovviamente acquistato un prodotto specifico: sulla confezione deve essere specificato che si tratta di un liquido per motori diesel. Inoltre, l’ideale sarebbe quello di svuotare l’intero contenuto della bottiglia a serbatoio praticamente vuoto. Le confezioni infatti sono previste per 60 – 70 litri di gasolio; nel caso in cui si intenda riempire di meno il serbatoio, il liquido antigelo andrà inserito in proporzione (30 – 35 litri di gasolio, metà confezione di antigelo).

Inserendo dapprima il liquido e solo poi il carburante, la pressione di caduta di quest’ultimo miscelerà alla perfezione le due componenti.

Il liquido di raffreddamento del motore

Un altro liquido dell’auto che avrà la tendenza a ghiacciarsi, compromettendo quindi il buon funzionamento dell’auto, è quello del radiatore, ovvero quello che ha lo scopo di raffreddare il motore.

Si tratta di un liquido che, a seconda dell’utilizzo dell’auto e del numero di km percorsi annualmente, va sostituito ogni 2 o 4 annima, all’arrivo del freddo, è bene versare nel serbatoio dell’acqua un liquido antigelo.

In commercio se ne trovano di due tipologie. La prima è liquido antigelo puro e va miscelato, secondo le indicazioni riportate in etichetta, in quote del 30% o del 60% rispetto all’acqua demineralizzata: in un litro, quindi andranno 300 ml (o 600 ml) di liquido e 700 ml (o 400 ml) di acqua. Questo però significa che prima di procedere al riempimento del serbatoio, quest’ultimo andrà completamente svuotato; successivamente andrà preparata la miscela e poi versata.

Per ovviare a questa difficoltà e a questa perdita di tempo, si trova in vendita una seconda tipologia, dove il liquido antigelo è già miscelato e può essere versato senza necessità di eliminare prima quello già presente nel serbatoio.

Il liquido del tergicristallo

Se i liquidi presenti nell’auto si congelano, oltre alla possibilità di danneggiare il motore, il rischio è quello di rendere più difficoltosa la guida: si provi a pensare, ad esempio, di dover pulire il vetro avendo però il liquido del tergicristallo completamente ghiacciato. Oltre a non riuscire nell’impresa, l’aumento di volume del liquido nella vaschetta, dovuto alle temperature inferiori allo zero, potrebbe anche rompere irrimediabilmente il contenitore stesso.

La soluzione arriva con un liquido antigelo già miscelato al classico liquido saponato, con cui generalmente viene riempita la vaschetta del tergicristalli. Utilizzandolo già ad inizio inverno, si eviteranno danni e difficoltà dovuti al freddo intenso.